“Design Your Own Fabric”: Project Run & Play Challenge

Immagine
Thanks to Dotta‘s post, last week I discovered another of the many events related to the world of the sewing addicted bloggers : “Project Run & Play” is a project that, in addition to organize a competition of six main bloggers for four weeks (already in the ninth edition), allows everyone to participate every week to a sewalong.
This time the sewalong’s theme is: Design your own fabric. So first of all I went to Zest store (a handcraft items store), who has a wide selection of fabric colors. I chose a green opaque, that you can applied to the fabric and then ironed (upside down) as soon as it has dried. I used a nice fish sponge on a yellow cotton that I bought some weeks ago.
I used a pattern of Burda magazine to create a long shirt for Eva. I made some modifications to the original model (the ruffles on the neckline have become a collar, I replaced the buttons on the back with another type of closure). I promised to repeat this shirt with another fabric because it seems very nice for the summer.
This week there are still many events, it will be impossible to follow all of them!
I’m assembling the pattern of Julia sweater , so the next project will be secret in order to participate in the contest for the pattern tour of Compagnie-m.

Grazie al post di Dotta della scorsa settimana ho scoperto un’altra delle tante iniziative legate al mondo delle blogger appassionate di cucito: “Project Run & Play” è il blog che, oltre ad organizzare una competizione principale in cui sei blogger si sfidano per quattro settimane (sono già alla nona edizione), permette a tutti di partecipare al sewalong della settimana.

Stavolta il tema era “Design  your own fabric”, quindi per prima cosa sono andata da Zest, negozio specializzato in articoli per il fai-da-te che ha un’ampia selezione di colori per stoffa. Ho scelto un verde opaco, che va applicato sul tessuto e poi stirato (a rovescio) appena si è asciugato. Ho usato una spugnetta a forma di pesce per colorare un cotone giallo che avevo comprato tempo fa. Ecco il risultato.
ImmagineImmagine

Ho utilizzato poi un modello presente su Burda di questo mese per realizzare una camicia lunga per Eva. Ho fatto qualche modifica al modello originale (le rouches sullo scollo sono diventate un colletto, i bottoni sul retro li ho sostituiti con delle pratiche ciappette ) che mi sono ripromessa di ripetere con un’altra stoffa perchè mi sembra molto carino per l’estate.
ImmagineImmagine
Questa settimana ci sono ancora tantissime iniziative online, sarà impossibile seguirle tutte!
Sto assemblando il cartamodello della Julia sweater, quindi il prossimo progetto sarà segreto per poter partecipare al contest per il pattern tour di Compagnie-m.
Immagine
Digressione

Dana’s baby doll basket finished, Julia sweater “pattern tour” started.

 foto 1-11
Molto divertente questo pattern di Dana e neanche troppo difficile come mi aspettavo. E’ solo un po’ lunga la fase di preparazione dei materiali, il taglio delle varie stoffe, l’applicazione della teletta termoadesiva e dell’imbottitura. La fase di cucito della borsa invece è molto veloce e semplice, ho seguito il tutorial passo passo, aiutandomi con le immagini.
Ho solo aggiunto un passaggio al procedimento di Dana: ho cucito insieme i vari strati della borsa (tessuto esterno, imbottitura, fodera), prima di applicare lo sbieco per rifinirla. E’ una cucitura che non si vedrà, ma rende l’applicazione del nastro sbieco più facile.
Ecco qualche foto del risultato:
foto 2-10foto 1-10
Voglio realizzarne presto un’altra versione per il compleanno della mia nipotina romana (pare che lei sia solita accudire le sue bambole e forse apprezzerà il pensiero!)
In questo fine settimana mi sono procurata da Ottorosso (negozio di tessuti in via Gioberti, Firenze) le stoffe per il secondo pattern di Dana (the flip vest).
Inoltre ho trovato al Conad degli accessori della Prim che mi mancavano. Oltre a delle strisce di velcro, che mi serviranno per questo pattern, ho preso dell’elastico di 25 mm utile per realizzare un’altra gonna Twist. Ma la vera svolta è il leva punti, uno strumento fondamentale per chi è alle prime armi! Aiuta a scucire dopo un eventuale errore…mi è capitato tante volte e in alcuni casi con le forbicine non è facile riuscire a tagliare una cucitura sbagliata. Ora spero di aver risolto il problema!
Ultima notizia di questo mese, è che Compagnie-m ha rilasciato il suo nuovo pattern “Julia sweater” (per il quale mi ero candidata come tester, ma non ero stata scelta, giustamente!).
Stavolta parteciperò al contest per il “pattern tour”. Bisogna realizzare una o più versioni della maglia, mandare delle belle foto del risultato a patterntour@compagnie-m.com entro il 14 aprile. Bisogna anche ricordarsi di non pubblicare nulla riguardo alla propria versione del pattern, perchè sarà Marta ad ospitare sul suo blog i risultati dei vincitori, a partire dal 22 aprile. Nel frattempo potete vedere le immagine delle Julia sweater realizzate nella fase di test del pattern, a me piacciono un sacco!
foto 2-11
Ultimo appunto, prima che mi dimentico. E’ il secondo mese che compro Burda e mi piace davvero molto. I modelli seguono la moda delle ultime sfilate, i servizi fotografici sono ben fatti, i cartamodelli un pò complicati per me, rispetto ai pattern che compro online. Ma nel complesso è un’ottima rivista.
Ho comprato invece per la prima volta “La mia boutique” e l’ho trovato molto squallido, non l’ho neanche sfogliato tutto. Acquisto decisamente negativo!